Diventa anche tu protagonista delle copertine o dei servizi moda di Donna Moderna.

Contributo precedente Contributo successivo

monicaboin

Cinto Euganeo
 
13 voti
Buonasera a tutti! Vi racconto un po di me, o almeno ci provo.
Sono Monica, ho appena festeggiato 31 anni, abito in provincia di Padova, sono seconda di tre figli e vivo in un casolare immerso nella campagna dei Colli Euganei. Inutile dire che amo la natura e gli animali, ambiente natale e di profonda gioia, presso cui ho trovato il mio equilibrio di vita. Sono molto attaccata alla famiglia, la reputo il mio faro di guida in una vita caotica.
Sono laureata in scienze dell'educazione e da come si può intuire adoro i bambini.
Amo molto viaggiare, amo leggere, in particolare prediligo Paulo Coelho e amo fare shopping, ma in fondo, quale donna non ama tornare a casa con una marea di borse.
Presumo di essere una persona molto dolce, sicuramente determinata e amante della semplicità. Non mi mancano di certo molti difetti con cui a volte ci litigo e mi ci scontro quotidianamente. Uno di questi è sicuramente l'impazienza, non amo i ritardi e le persone lente, ma vabbe' speriamo di migliorare con l'avanzare dell'età; sono una smemorata, nel senso che invidio chi ricorda numeri di telefono, indirizzi e com'erano vestiti nel capodanno del 1990. Io a malapena ricordo la cena della sera precedente. Ultimo, ma non da meno, non so nuotare. Ebbene lo so, sono una pippa. Nel 2016 ci sono ancora persone che non sanno galleggiare, come la sottoscritta. Un po mi vergogno, ma spero di trovare il coraggio di buttarmi in una piscina di 2 metri e imparare. Anche perché dopo un po, a forza di buttarmi nella piscina per bambini, mi toccherà vestirmi da Peppa Pig.
Insomma dopo avervi elencato il peggio del peggio di me, a mia discolpa posso dire però che leggo da molto Donna Moderna e che un po, con i vostri articoli, ci sono anche cresciuta. Ho sempre apprezzato la vostra rivista per la genuinità delle immagine e per la concretezza dei contenuti e il fatto che abbiate dato spazio a delle donne comuni di diventarne protagoniste ne è la prova.
Quindi grazie per esserci state.