Diventa anche tu protagonista delle copertine o dei servizi moda di Donna Moderna.

Contributo precedente Contributo successivo

Francesca Cottone

Fabriano
 
24 voti
Sono Francesca Cottone, ho 27 anni e sono una stilista.
Sono Italo-colombiana, nata e cresciuta a Camerino, un piccolo paesino nell’entroterra marchigiano, fino ai 18 anni per poi trasferirmi a Milano, alla conquista del mio sogno: diventare una stilista!
Mi iscrivo al corso di fashion design all’Istituto Marangoni e comincia la mia vita tra tessuti e disegni. Non è facile riuscire ad inquadrarsi, soprattutto a 18 anni, ma ho avuto la fortuna di sapere sin da subito cosa un giorno avrei voluto essere.
Conseguita la laurea in fashion design, partecipo ad un concorso indetto dalla casa automobilistica Renault Clio, in collaborazione con la mia università. Ricordo solo che alla frase “abbiamo scelto all’unanimità il progetto di Francesca Cottone” ero incredula ed emozionata.
Dopo questa splendida avventura, ecco il primo colloquio lavorativo, e poco dopo un contratto di lavoro per Pinko che mi attendeva.
Cominciano i miei tre anni in giro per l’Italia e per le aziende di moda a fare esperienza e ad imparare tantissimo. Fino ad arrivare ad oggi, ho rincorso tanto questo mio sogno, che a 27 anni compiuti, con tanta fatica e soprattutto determinazione posso dire di star realizzando: voler vendere le mie creazioni nel mio negozio!
Molti mi chiedono se non ho paura di fare questo salto nel vuoto e cominciare un qualcosa da zero. Io credo che la sensazione più bella sia proprio questa: veder crescere l’idea, e vederla concretizzare, grazie a te e alle tue forze!
Penso che ognuno di noi sia artefice del proprio destino e se non ci proviamo ora? Quando? Se non cogliamo l’attimo o quel pizzico di follia del momento, quando vogliamo provarci?
Mi sto mettendo in gioco e con tanta fierezza e con un leggero velo di commozione, posso dirvi che a breve aprirò il mio negozio “Francesca Cottone”, perché non c’è cosa più bella nella vita che provarci!
Vi ringrazio tanto per l’attenzione alle mie parole.
Un saluto,
Francesca Cottone